Comunicare e condividere per ridurre gli sprechi: la scoperta dell’acqua calda

Sembra una frase ad affetto ma, nella realtà dei fatti, la soluzione migliore e ad alto impatto al problema degli sprechi di risorse e ai problemi in generale e di qualsiasi natura, risiede nelle cose più semplici e immediatamente disponibili: comunicare e condividere.

Generalmente, la comunicazione nelle aziende è sempre più ridotta all’essenziale e scarsa di valore (e di valori) a causa di una generale e diffusa mentalità dove si da per scontato che ognuno sia in possesso di qualsiasi informazione che tutti gli altri già hanno. Comunicare è molto difficile, nonostante possa sembrare una funzione normalmente assodata, ma oltre al fatto di riuscire a coniugare una serie di parole dal senso compiuto, quello che si deve considerare, affinché il messaggio venga veicolato nella maniera più corretta, ricade nell’interpretazione che l’interlocutore da alla frase stessa.

Da una parte si esprime un concetto diffuso da determinate e precise intenzioni, mentre dall’altra parte lo si recepisce e lo si interpreta in maniera diversa. A conferma di ciò, basta soffermarsi solo un attimo ad analizzare tutti i casi di liti tra persone a causa di messaggi mal scritti e mal interpretati.

Tutto questo, solo per dire che, la comunicazione è determinante e risolutiva per riuscire ad abbattere gli sprechi e generare quell’armonia necessaria nel lavoro e nello svolgimento di un progetto o di un processo. La comunicazione deve essere efficace, diretta e priva di fraintendimenti, e necessariamente coadiuvata da una corretta e responsabile condivisione di tutte le informazioni in proprio possesso.

La gran parte degli sprechi, così come l’origine della maggior parte dei problemi, grava in misura primaria in una comunicazione e condivisione delle informazioni completamente inadeguate.

Per riuscire ad avere un’azienda di successo e piena di potenziale, è necessario iniziare ad operare nella direzione volta al raggiungimento di una corretta comunicazione priva di qualsiasi interpretazione e giudizio, condividendo tutte le informazioni in proprio possesso e lasciando agli altri la libertà, l’autonomia e la fiducia nel determinare se è importante, preziosa ed utile ai fini dello svolgimento del lavoro.

Questa modalità operativa, molto semplice, immediata, a costo zero e a basso impatto procedurale, può certamente esercitare un istantaneo cambio di rotta, che porterà l’intera struttura aziendale ad un’evidente riduzione degli sprechi, ad un sano contenimento dei costi, ad una collaborazione costruttiva, al raggiungimento del successo e della crescita in generale.

Impiegare il proprio tempo per cercare in tutta l’azienda un’informazione fondamentale per il proseguo del proprio lavoro, è un modello di investimento da abbandonare già da questo preciso momento. Sono le informazioni che devono essere disponibili e fruibili nell’immediato per chiunque, e non che ognuno se le debba andare a cercare.

E’ solo la condivisione della conoscenza che permette alla crescita, allo sviluppo e al benessere di espandersi.

Rimani in contatto per ricevere tutti gli aggiornamenti.

Iscriviti alla mailing list compilando il form a lato oppure attraverso il modulo contatti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *