Scopri come definire il miglior piano industriale per la crescita

Così come una Mission e una Vision strutturate e definite al meglio, anche un piano industriale, completo e dettagliato, influisce in maniera positiva e potenziante sul raggiungimento degli obiettivi che si sono predeterminati.

Se vogliamo, possiamo anche definire un piano industriale come un insieme di tanti elementi operativi, che coinvolgono tutte le aree aziendali, e che rispecchiano in maniera molto fedele la Mission e la Vision dell’intera organizzazione.

Per essere descritto come un buon piano industriale, questo deve essere, prima di qualsiasi altra valutazione, definito a lungo termine, e più precisamente deve avere una copertura di almeno tre o quattro anni. Questo per avere sempre un punto di riferimento per quanto riguardano le fasi di progettazione dei prodotti/servizi, di studio e di implementazione delle eventuali risorse, di qualsiasi tipologia, necessarie in questo arco temporale.

Il miglior piano industriale deve delineare una certa identità all’interno del mercato di riferimento, composta dalla definizione di elementi quali, la struttura organizzativa e decisionale, processi idonei e conformi a valorizzare i prodotti/servizi, le persone che, dopo un’attenta analisi e valutazione dei valori e dei talenti individuali, determinerà la parte propulsiva dell’intero piano e del relativo successo.

Le macro aree che devono essere analizzate e sviluppate sono:

1) Alta Direzione

Risulta chiaramente la parte fondamentale per la definizione del piano industriale, rappresentando a vari livelli la proprietà dell’azienda. Deve stabilire, con estrema chiarezza e lungimiranza, “cosa vuole fare”, “dove vuole andare” e “con quali mezzi”.

2) Top Management

Deve essere direttamente e responsabilmente coinvolto nella fase prettamente operativa di applicazione del piano industriale. Essendo un punto di riferimento per tutto il resto della struttura, risulta essenziale che rappresenti in maniera inequivocabile, disponendo gli interventi applicativi, tutti i principi e le direttive contenute nel piano.

3) Struttura organizzativa

Solitamente, si rende necessaria una ridefinizione della struttura aziendale, affinché le persone giuste siano nei posti giusti e siano messe nelle condizioni di poter esprimere le proprie competenze, la propria professionalità e i propri talenti nel miglior modo possibile e in maniera efficace.

4) Prodotti/Servizi

Per riuscire ad intervenire nel mercato in maniera più autorevole, anche i prodotti/servizi devono rispondere ai requisiti che una buona e corretta strategia marketing richiede.

5) Piano Finanziario

La soluzione migliore è rappresentata da un intervento economico predisposto da una preponderanza di risorse interne, da pianificare e distribuire in linea con lo sviluppo temporale del piano ma, in mancanza dei requisiti, è opportuno creare una partnership strategica con i clienti e fornitori di maggior peso e/o con gli operatori del settore che diano le maggiori garanzie.

Ben inteso che, tutto il lavoro per formulare un piano industriale deve poi trovare un’applicabilità concreta. Spesso le aziende si ritrovano con un progetto di sviluppo a lungo termine che viene applicato in maniera parziale o, nel peggiore dei casi, nemmeno iniziato.

Un piano industriale non deve rappresentare un trofeo da esibire in determinate circostanze, ma un vero e proprio strumento per far crescere e prosperare l’azienda.

Rimani in contatto per ricevere tutti gli aggiornamenti.

Iscriviti alla mailing list compilando il form a lato oppure attraverso il modulo contatti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *